evangelici.net - Dal 1996, l'informazione cristiana in rete; collegati al portale! evangelici.net - Dal 1996, l'informazione cristiana in rete; collegati al portale!
EventiNews
Interessante

Gli Stati Uniti ordinano 8.500 truppe in stato di allerta intensificata da inviare in Ucraina

WASHINGTON (AP) – Il Pentagono ha ordinato a 8.500 soldati in stato di allerta più alta di schierarsi potenzialmente in Europa come parte di una “forza di risposta” della NATO in mezzo alla crescente preoccupazione che la Russia possa presto fare una mossa militare contro l’Ucraina. Il presidente Joe Biden si è consultato con i principali leader europei, sottolineando la solidarietà degli Stati Uniti con i loro alleati.

Mettere le truppe con base negli Stati Uniti in maggiore allerta per l’Europa lunedì ha suggerito una diminuzione della speranza che il presidente russo Vladimir Putin si allontani da ciò che lo stesso Biden ha detto che sembra una minaccia per invadere la vicina Ucraina.

In gioco, al di là del futuro dell’Ucraina, c’è la credibilità di un’alleanza NATO che è centrale per la strategia di difesa degli Stati Uniti ma che Putin considera un relitto della Guerra Fredda e una minaccia alla sicurezza russa. Per Biden, la crisi rappresenta una prova importante della sua capacità di forgiare una posizione unita e alleata contro Putin.

Il segretario stampa del Pentagono John Kirby ha detto che circa 8.500 soldati con base negli Stati Uniti sono stati messi in allerta per un possibile dispiegamento, non in Ucraina ma nel territorio della NATO nell’Europa orientale come parte di una forza dell’alleanza intesa a segnalare un impegno unificato per scoraggiare qualsiasi più ampia aggressione di Putin.

La Russia nega che stia pianificando un’invasione. Dice che le accuse occidentali sono semplicemente una copertura per le provocazioni pianificate dalla NATO. Gli ultimi giorni hanno visto una diplomazia ad alto rischio che non è riuscita a raggiungere alcuna svolta e gli attori chiave del dramma stanno facendo mosse che suggeriscono la paura di una guerra imminente. Biden ha cercato di trovare un equilibrio tra le azioni intese a scoraggiare Putin e quelle che potrebbero fornire al leader russo un’apertura per usare l’enorme forza che ha radunato al confine con l’Ucraina.

Biden ha tenuto una videochiamata di 80 minuti con diversi leader europei sulla formazione militare russa e sulle potenziali risposte a un’invasione.

“Ho avuto un incontro molto, molto, molto buono – totale unanimità con tutti i leader europei”, ha detto Biden ai giornalisti alla Casa Bianca. “Ne parleremo più tardi”.

La Casa Bianca ha affermato che i leader hanno sottolineato il loro desiderio di una soluzione diplomatica alla crisi, ma hanno anche discusso gli sforzi per scoraggiare un’ulteriore aggressione russa, “compresi i preparativi per imporre enormi conseguenze e gravi costi economici alla Russia per tali azioni, nonché per rafforzare la sicurezza sulla NATO fianco orientale”.

Il giorno prima, il Dipartimento di Stato aveva ordinato alle famiglie di tutto il personale americano presso l’Ambasciata degli Stati Uniti a Kiev di lasciare il Paese e aveva affermato che il personale non essenziale dell’ambasciata poteva partire a spese del governo degli Stati Uniti.

Il portavoce del ministero degli Esteri ucraino, Oleg Nikolenko, ha affermato che la decisione degli Stati Uniti è stata “un passo prematuro” e un segno di “eccessiva cautela”. Ha detto che la Russia stava seminando il panico tra ucraini e stranieri per destabilizzare l’Ucraina.

Anche la Gran Bretagna ha detto che stava ritirando alcuni diplomatici e dipendenti dalla sua ambasciata di Kiev. Il primo ministro Boris Johnson ha affermato che un’invasione non è inevitabile, ma “l’intelligence è piuttosto cupa”.

Ordinare anche a un numero modesto di truppe americane di essere pronte per un potenziale dispiegamento in Europa ha lo scopo di dimostrare la determinazione degli Stati Uniti a sostenere i suoi alleati della NATO, in particolare quelli dell’Europa orientale che si sentono minacciati dalla Russia e temono che Putin possa metterli nel suo mirino.

“Si tratta di rassicurare i nostri alleati della NATO”, ha detto Kirby in una conferenza stampa al Pentagono, aggiungendo che nessuna truppa è destinata al dispiegamento in Ucraina, che non è un membro dell’alleanza ma è stata assicurata da Washington del continuo sostegno politico degli Stati Uniti e forniture di armi.

La mossa del Pentagono, che è stata fatta su indicazione di Biden e su raccomandazione del Segretario alla Difesa Lloyd Austin, è stata compiuta in tandem con le azioni di altri governi membri della NATO per rafforzare una presenza difensiva nelle nazioni dell’Europa orientale. La Danimarca, ad esempio, sta inviando una fregata e aerei da guerra F-16 in Lituania; La Spagna sta inviando quattro caccia in Bulgaria e tre navi nel Mar Nero per unirsi alle forze navali della NATO, e la Francia è pronta a inviare truppe in Romania.

In una dichiarazione prima dell’annuncio di Kirby, la NATO ha affermato che i Paesi Bassi intendono inviare due aerei da combattimento F-35 in Bulgaria ad aprile e stanno mettendo una nave e unità terrestri in attesa per la Forza di risposta della NATO.

La NATO non ha preso la decisione di attivare la Forza di risposta, che consiste in circa 40.000 soldati provenienti da più nazioni. Quella forza è stata rafforzata nel 2014 – l’anno in cui la Russia ha sequestrato la penisola ucraina della Crimea ed è intervenuta a sostegno dei separatisti filo-russi nell’Ucraina orientale – creando una “forza di punta” di circa 20.000 soldati in massima allerta all’interno della più ampia Forza di risposta.

Se la NATO deciderà di attivare la Response Force, gli Stati Uniti contribuiranno con una serie di unità militari, ha affermato Kirby.

“È un appello della NATO da fare”, ha detto Kirby. “Da parte nostra, volevamo assicurarci di essere pronti nel caso dovesse arrivare quella chiamata. E ciò significa assicurarsi che le unità che vi contribuiranno siano il più pronte possibile con un preavviso il più breve possibile”.

Ha detto che alcune unità riceveranno l’ordine di essere pronte per essere schierate con un preavviso di soli cinque giorni. Tra gli 8.500 soldati, un numero imprecisato potrebbe essere inviato in Europa per scopi diversi dal supporto della Forza di risposta della NATO, ha affermato. Senza fornire dettagli, ha affermato che potrebbero essere schierati “se si sviluppassero altre situazioni”.

Prima dell’annuncio degli Stati Uniti, la NATO ha rilasciato una dichiarazione che riassume le mosse già descritte dai paesi membri. Riaffermarli sotto lo stendardo della NATO sembrava mirare a mostrare determinazione. L’Occidente sta intensificando la sua retorica nella guerra dell’informazione che ha accompagnato lo stallo dell’Ucraina.

La Russia ha ammassato circa 100.000 soldati vicino al confine con l’Ucraina, chiedendo che la NATO prometta che non permetterà mai all’Ucraina di unirsi e che altre azioni, come lo stazionamento di truppe dell’alleanza nei paesi dell’ex blocco sovietico, siano ridotte.

La NATO ha dichiarato lunedì che sta rafforzando la sua deterrenza nella regione del Mar Baltico.

L’alleanza “adotterà tutte le misure necessarie per proteggere e difendere tutti gli alleati”, ha affermato il segretario generale Jens Stoltenberg. “Risponderemo sempre a qualsiasi deterioramento del nostro ambiente di sicurezza, anche rafforzando la nostra difesa collettiva”.

A Mosca, il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov ha affermato che dietro le crescenti tensioni c’erano la NATO e gli Stati Uniti, non la Russia.

“Tutto questo sta accadendo non per quello che stiamo facendo noi, la Russia. Questo sta accadendo a causa di ciò che la NATO e gli Stati Uniti stanno facendo”, ha detto Peskov ai giornalisti.

L’annuncio della NATO è arrivato quando i ministri degli esteri dell’Unione Europea hanno cercato di dare una nuova dimostrazione di unità a sostegno dell’Ucraina e di nascondere le preoccupazioni sulle divisioni sul modo migliore per affrontare qualsiasi aggressione russa.

In una dichiarazione, i ministri hanno affermato che l’UE ha intensificato i preparativi per le sanzioni e hanno avvertito che “qualsiasi ulteriore aggressione militare della Russia contro l’Ucraina avrà conseguenze enormi e costi elevati”.

Di seguito 15 modi per pregare durante per crisi in Ucraina:

  1. Chiedi a Dio di redimere questa situazione attirando a Sé molte persone. Che ucraini e russi scoprano che Gesù è l’unica vera fonte di pace, sicurezza, conforto, verità e libertà.
  2. Prega che gli ucraini alla fine sperano non nei governi, nelle elezioni o nella diplomazia, ma in Gesù Cristo.
  3. Chiedi a Dio di liberare l’Ucraina dal male. Possa Egli avere misericordia e guarire questa terra. Possa Egli dare all’Ucraina la pace e la possibilità di svilupparsi come nazione che valorizza la verità, la giustizia e la libertà, tutte radicate nella bontà di Dio.
  4. Prega che gli ucraini pratichino il perdono verso coloro che hanno fatto loro del male. Come ha affermato Valery Antonyuk, vicepresidente dell’Unione Battista in Ucraina: “La Chiesa chiama la nazione ucraina a qualcosa di più dei semplici sentimenti di giustizia umana: al perdono, alla grazia e alla riconciliazione dei cristiani. … Chiediamo alle vittime di perdonare coloro che sono già pentiti e coloro che sono ancora perduti. … Per unire la nazione, per riconciliare le sue varie parti, i suoi vari gruppi sociali, culturali e politici, non bastano le leggi e la giustizia. Senza pentimento, grazia, perdono e riconciliazione, il Paese rimarrà diviso e in conflitto. Questa è la precondizione per una profonda trasformazione spirituale dell’Ucraina”.
  5. Pregate per una cultura in cui i disaccordi politici non portino all’odio o alla violenza.
  6. Il conflitto tra Ucraina e Russia può sfociare in conflitti personali all’interno delle famiglie, specialmente quando i membri della famiglia vivono ai lati opposti del confine e sono influenzati da diversi aspetti della “guerra dell’informazione”. Pregate per l’unità e un amore reciproco che superi i problemi tra i paesi.
  7. Chiedi a Dio di benedire le mogli e i figli dei soldati con pace e sicurezza mentre i loro mariti e padri sono via.
  8. Chiedi a Dio di confortare le famiglie di coloro che sono morti durante le proteste di Maidan nel 2014. ChiediGli di guarire coloro che si stanno ancora riprendendo dalle ferite.
  9. Prega per il governo ucraino mentre lotta per riprendersi dalla rivoluzione, rafforzare l’economia in crisi del paese, sradicare la corruzione e rispondere al conflitto armato.
  10. Prega per i vari leader mondiali coinvolti nella diplomazia sull’Ucraina.
  11. Pregate per la liberazione dalla corruzione che ha afflitto l’Ucraina e l’ha lasciata finanziariamente in bancarotta. Chiedi a Dio di benedire l’Ucraina con stabilità economica. ChiediGli di dare agli ucraini la forza d’animo di cui avranno bisogno per affrontare le misure di austerità per avere un’economia più forte in futuro. E ringrazialo per continuare a fornire pane quotidiano alle persone qui.
  12. Prega affinché la Chiesa evangelica rimanga unita, anche di fronte a questioni difficili, come ad esempio come dovrebbero essere coinvolti i credenti nella politica o nei conflitti armati.
  13. Negli ultimi anni, la Chiesa evangelica ucraina è diventata molto più appassionata di inviare i propri operatori interculturali per raggiungere i perduti. Prega che questo conflitto non dissuada gli ucraini dal portare il messaggio del Vangelo in Russia e in altri paesi.
  14. Prega per i cristiani nell’esercito. Questo è un momento difficile; chiedi a Dio di guidarli mentre la loro fede viene messa alla prova in modi nuovi.
  15. Le paure derivanti dal conflitto emergono frequentemente nelle conversazioni. Prega affinché i missionari e gli altri credenti abbiano molte opportunità di spiegare ai loro vicini e amici il motivo della speranza che c’è in loro, anche in questo tempo di prova.

Incoraggiamo i lettori che desiderano commentare il nostro materiale a farlo anche tramite i nostri account Facebook, Twitter, YouTube e Instagram. Dio ti benedica e ti custodisca nella Sua verità.

User Rating: 4.4 ( 1 votes)
The Christian Broadcasting Network

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button