evangelici.net - Dal 1996, l'informazione cristiana in rete; collegati al portale! evangelici.net - Dal 1996, l'informazione cristiana in rete; collegati al portale!
News
Interessante

Più cerchiamo Cristo, più diventiamo come Cristo

Il risveglio in corso all’Università di Asbury ha attirato tra le quindicimila e le ventimila persone durante il fine settimana. Tutto questo sta accadendo a Wilmore, nel Kentucky, che normalmente ha una popolazione di seimila abitanti. Un testimone oculare ha riferito che i servizi hanno riempito cinque edifici in eccesso e un prato erboso con un backup di 2,5 miglia di auto che entravano a Wilmore.

A partire da oggi, i servizi di risveglio saranno disponibili al pubblico in un altro luogo nell’area centrale del Kentucky, mentre Asbury continuerà a ospitare servizi serali per studenti universitari e delle scuole superiori fino a giovedì, che è il National Collegiate Day of Prayer.

I fuochi del risveglio si stanno diffondendo. I servizi di risveglio sono iniziati presso la Samford University in Alabama, la Cedarville University in Ohio e le università Lee e Belmont nel Tennessee.

Gli studenti si sono riuniti alla Baylor University in Texas per pregare per il risveglio. Finora sono stati colpiti oltre venti campus universitari.

Il vero risveglio inizia quando vogliamo da Gesù più di quello che abbiamo.

Fai? Perchè dovresti?

“Nessuno di noi vuole essere un imbroglione”

In Perché ho paura di dirti chi sono?, lo psicologo John Powell scrive di “le paure imprigionanti e i dubbi su se stessi che paralizzano la maggior parte di noi e ci impediscono di andare avanti sulla strada della maturità, della felicità e del vero amore”.

E aggiunge: “Nessuno di noi vuole essere un imbroglione o vivere nella menzogna; nessuno di noi vuole essere un impostore, un falso. Ma le paure che sperimentiamo ei rischi che un’onesta comunicazione di sé comporterebbe ci sembrano così intensi che cercare rifugio nei nostri ruoli, maschere e giochi diventa un’azione riflessa quasi naturale.

“Dopo un po’, può anche essere abbastanza difficile per noi distinguere tra ciò che siamo veramente, in un dato momento del nostro sviluppo come persone, e ciò che ci atteggiamo ad essere. È un problema così universalmente umano che potremmo giustamente chiamarlo “la condizione umana”».

Ecco la risposta biblica a questa “condizione”: il Dio che è amore (1 Giovanni 4:8) ti ama più profondamente, appassionatamente e incondizionatamente di quanto un padre terreno possa amare i suoi figli. Addolora le tue lotte e sofferenze ancor più dei genitori che piangono la morte di un figlio. È pronto a guidare il tuo cammino con saggezza onnisciente che nessun padre umano può eguagliare. Potenzierà la tua obbedienza con l’onnipotenza che il padre più forte non può iniziare a offrire.

Ma dobbiamo collaborare con lui per vivere al meglio.

“Dio intende riempire ciascuno di voi con ciò che è buono”

La chiamata di Dio è chiara: «Se dunque siete stati risuscitati con Cristo, cercate le cose di lassù, dov’è Cristo, seduto alla destra di Dio. Pensa alle cose che sono in alto, non alle cose che sono sulla terra. Poiché voi siete morti e la vostra vita è nascosta con Cristo in Dio” (Colossesi 3:1-3).

«Dio vuole riempire ciascuno di voi di ciò che è bene, quindi scacciate ciò che è male! Se vuole riempirti di miele e tu sei pieno di vino aspro, dove va il miele? Il recipiente deve essere svuotato del suo contenuto e poi pulito. Sì, deve essere pulito anche se devi lavorare sodo e strofinarlo. Deve essere adattato alla novità, qualunque essa sia.

“Come nessuna oscurità può essere vista da chi è circondato dalla luce, così nessuna banalità può catturare l’attenzione di chi ha gli occhi su Cristo. L’uomo che tiene gli occhi sul capo e sull’origine di tutto l’universo li ha sulla virtù in tutta la sua perfezione; li ha sulla verità, sulla giustizia, sull’immortalità e su ogni altra cosa che è buona, perché Cristo è la bontà stessa”.

La nostra cultura decaduta non capirà, ma c’era da aspettarselo: «Spesso le persone sono considerate cieche e inutili quando fanno del sommo Bene il loro fine e si abbandonano alla contemplazione di Dio, ma Paolo ha fatto una vantarsene e proclamarsi stolto per amore di Cristo. Il motivo per cui disse: “Siamo stolti per amore di Cristo”, era che la sua mente era libera da tutte le preoccupazioni terrene. Era come se dicesse: “Siamo ciechi alla vita quaggiù perché i nostri occhi sono rivolti verso Colui che è il nostro capo”».

Paolo “ci invita a seguire il suo esempio. Cerca le cose di lassù, dice, che è solo un altro modo per dire: “Tieni gli occhi su Cristo”».

“La vita migliore di Cristo è la sua biografia vivente”

Più cerchiamo di conoscere Cristo, più diventiamo come Cristo. Infatti, un modo pratico per sapere fino a che punto conosciamo Cristo è esaminare quanto pienamente lo mostriamo al mondo.

“L’intera offerta che fa il cristianesimo è questa: che possiamo, se lasciamo che Dio faccia ciò che vuole, venire a condividere la vita di Cristo… Ogni cristiano deve diventare come Gesù.

I primi discepoli di Gesù sono il nostro primo esempio. Dopo aver camminato con il loro Signore per diversi anni, quando Pietro e Giovanni furono accusati, il Sinedrio “riconosceva che erano stati con Gesù” (At 4,13).

Charles Spurgeon ha commentato questo testo: “Un cristiano dovrebbe essere una sorprendente somiglianza di Gesù Cristo. Hai letto vite di Cristo, scritte in modo bello ed eloquente, ma la migliore vita di Cristo è la sua biografia vivente, scritta nelle parole e nelle azioni del suo popolo”.

Tali “biografie viventi” sono i risultati ei catalizzatori di un autentico risveglio spirituale.

Se dovessi manifestare Cristo oggi più di ieri, cosa avresti bisogno di cambiare?

Incoraggiamo i lettori che desiderano commentare il nostro materiale a farlo anche tramite i nostri account Facebook, Twitter, YouTube e Instagram. Dio ti benedica e ti custodisca nella Sua verità.

asdf

User Rating: Be the first one !
The Christian Broadcasting Network

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pulsante per tornare all'inizio