evangelici.net - Dal 1996, l'informazione cristiana in rete; collegati al portale! evangelici.net - Dal 1996, l'informazione cristiana in rete; collegati al portale!
News

Nessun applauso generale per la nuova traduzione della Bibbia in lingua norvegese

Anche prima della sua pubblicazione, la nuova versione della Bibbia in Norvegia attira l’attenzione. Alcune scelte riflettono un gusto diverso. Ma c’è anche un dibattito su un “cambiamento teologico”.

La Società Biblica Norvegese pubblicherà la nuova traduzione nel 2024. La maggior parte dell’attenzione va a Giovanni 3:16. In Norvegia, questo versetto si chiama “La Piccola Bibbia” (“Den lille bibel”), perché tutto il messaggio biblico sul peccato e la grazia è in esso.

Dio ha tanto amato il mondo che ha dato il suo unigenito figlio, affinché coloro che credono in lui non periscano ma abbiano la vita eterna.

Questo testo parla sia di perdersi che di essere salvati. Poiché parla dell’amore di Dio per salvare i peccatori, di solito è citato ai funerali. Ma la frase che l’incredente si perde può suscitare emozioni in tali occasioni in un cimitero.

L’attuale traduzione norvegese dice che l’incredulo “si perde”. Questo sarà sostituito da “perire”. In inglese, questa nuova formulazione non suona strana. Ma in Norvegia, alcuni teologi pensano che sia un cambiamento teologico.

In Vårt Land, il teologo Glenn Wehus dice che la nuova traduzione “può guidare la mente per molti in una direzione completamente diversa, vale a dire l’annientamento (cioè un’estinzione dopo la morte)”, scrive. La formulazione attuale è molto più chiara; si dirige verso “una sofferenza eterna senza Dio”.

La nuova Bibbia in Norvegia conterrà una nuova lingua e traduzioni migliori

Il teologo Bjørn Eidsvåg, invece, preferisce la nuova formulazione proprio per il cambiamento teologico che vi vede. “Le nozioni di perdizione e inferno appartengono a un’altra epoca. Sono felice che stiano contaminando sempre meno il messaggio più importante della Chiesa: che l’amore è il più grande di tutti. Quel messaggio perde completamente il suo potere se vediamo la perdita come uno specchio dietro di noi. Possiamo perire senza amore, ma non siamo perduti”, dice, secondo Vårt Land.

Paul come schiavo

Un’altra questione che suscita il dibattito è il fatto che i “doulos” greci diventeranno “schiavi” ovunque. Quindi, l’apostolo Paolo diventerà “uno schiavo di Gesù Cristo”, invece di un “servitore”.

Il vescovo norvegese Halvor Nordhaug dice “questo è un incidente”, a Vårt Land. La risposta che una nota a piè di pagina spiegherà la parola, non lo soddisfa. “I lettori ordinari della Bibbia non approfondiscono le note a piè di pagina, ed è particolarmente problematico se queste devono essere lette in un’aula di chiesa”, dice il vescovo. “Si potrebbe dire che spetta al sacerdote spiegare cosa c’è nella parola. Poi dico “buona fortuna!”. Ci vorrà una parte significativa del sermone per spiegare quale sia una parola barbara in molte orecchie norvegesi. Quando Paolo, nelle due lettere, si presenta come schiavo di Gesù Cristo, non sta nemmeno seguendo ciò che descrive altrove nelle lettere: “essere cristiano significa essere liberato”, dice Nordhaug.

Carne o uomo

Un altro testo che attira la reazione è la frase di Giovanni 1:14:

La Parola divenne carne e abitò in mezzo a noi.

Vårt Land riporta la visione di Andreas Viestad, famoso chef e scrittore di cibo. Dice che questa formulazione associa carne e cibo, che non è ciò che si intende.

Una versione precedente della Bibbia norvegese parlava anche di “flesh”, sostituita da “la Parola è diventata uomo” nel 1978 in poi. Ma l’edizione del 2024 sta tornando indietro. I traduttori, tuttavia, difendono questa traduzione del greco “sarx”.

Sensibile

La nuova versione della Bibbia non cambia solo “La Piccola Bibbia”; contiene anche cambiamenti intorno alla schiavitù, all’antisemitismo e all’omosessualità. Tutti questi argomenti sono sensibili nell’attuale Norvegia. Ma questo non influenza la traduzione, dice il direttore del lavoro di traduzione Jorunn Økland. Inoltre, la nuova versione chiarirà che la Bibbia non parla positivamente delle relazioni omosessuali. Tuttavia, alcuni lettori della Bibbia lo avrebbero sperato.

1858

La nuova traduzione della Bibbia è una revisione della versione più utilizzata del 2011. Parti della Bibbia sono state disponibili in norvegese dal XIII secolo in poi, parallelamente alle traduzioni danesi. Tuttavia, la prima traduzione dell’intera Bibbia in norvegese non arrivò fino al 1858.

Incoraggiamo i lettori che desiderano commentare il nostro materiale a farlo anche tramite i nostri account Facebook, Twitter, YouTube e Instagram. Dio ti benedica e ti custodisca nella Sua verità.

User Rating: Be the first one !
The Christian Broadcasting Network

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button