evangelici.net - Dal 1996, l'informazione cristiana in rete; collegati al portale! evangelici.net - Dal 1996, l'informazione cristiana in rete; collegati al portale!
News

L’esercito ucraino lascia la città maltrattata per evitare l’accerchiamento

KIEV, Ucraina (AP) — Dopo settimane di feroci combattimenti, le forze ucraine si ritireranno da una città sconfitta nell’est del Paese per evitare l’accerchiamento, ha affermato venerdì un governatore regionale.

La città di Sievierdonetsk, il centro amministrativo della regione di Luhansk, ha dovuto affrontare un incessante bombardamento russo. Le truppe ucraine hanno combattuto i russi in battaglie casa per casa prima di ritirarsi in un’enorme fabbrica chimica ai margini della città, dove si sono rintanati nelle sue tentacolari strutture sotterranee.

Negli ultimi giorni, le forze russe hanno guadagnato terreno intorno a Sievierdonetsk e alla vicina città di Lysychansk, su una ripida sponda dall’altra parte del fiume, nel tentativo di accerchiare le forze ucraine.

Il governatore di Luhansk Serhiy Haidai ha affermato che alle truppe ucraine è stato dato l’ordine di lasciare Sievierdonetsk per impedirlo.

“Dovremo ritirare i nostri ragazzi”, ha detto. “Non ha senso rimanere nelle posizioni distrutte perché il numero delle vittime nelle aree scarsamente fortificate aumenterà ogni giorno”.

Haidai ha affermato che le forze ucraine hanno “ricevuto l’ordine di ritirarsi in nuove posizioni e continuare a combattere lì”, ma non ha fornito ulteriori dettagli.

Ha detto che anche i russi stavano avanzando verso Lysychansk da Zolote e Toshkivka, aggiungendo che le unità di ricognizione russe hanno condotto incursioni ai margini della città ma sono state cacciate dai suoi difensori.

A seguito di un fallito tentativo di catturare Kiev, la capitale dell’Ucraina, nella fase iniziale dell’invasione iniziata il 24 febbraio, le forze russe hanno spostato l’attenzione sulla regione del Donbas, dove le forze ucraine hanno combattuto i separatisti sostenuti da Mosca dal 2014.

L’esercito russo controlla circa il 95% della provincia di Luhansk e circa la metà della vicina provincia di Donetsk, le due aree che compongono il Donbas.

Dopo le ripetute richieste ai suoi alleati occidentali di armamenti più pesanti per contrastare il vantaggio della Russia in termini di potenza di fuoco, il ministro della Difesa ucraino Oleksii Reznikov ha affermato che è arrivata una risposta sotto forma di lanciarazzi americani a medio raggio.

Un funzionario della difesa degli Stati Uniti ha confermato mercoledì che tutti e quattro i promessi sistemi missilistici di artiglieria ad alta mobilità, o HIMARS, erano nelle mani delle forze ucraine, ma ha affermato che non era chiaro se fossero stati ancora utilizzati.

Gli Stati Uniti hanno approvato la fornitura dei sistemi a guida di precisione alla fine di maggio e, una volta giunti nella regione, le forze ucraine hanno avuto bisogno di circa tre settimane di addestramento per azionarli. I razzi possono viaggiare per circa 45 miglia (70 chilometri).

Gli Stati Uniti invieranno ulteriori 450 milioni di dollari in aiuti militari all’Ucraina, inclusi altri quattro sistemi missilistici a medio raggio, munizioni e altri rifornimenti, hanno annunciato giovedì i funzionari statunitensi.

Incoraggiamo i lettori che desiderano commentare il nostro materiale a farlo anche tramite i nostri account Facebook, Twitter, YouTube e Instagram. Dio ti benedica e ti custodisca nella Sua verità.

User Rating: Be the first one !
The Christian Broadcasting Network

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button