evangelici.net - Dal 1996, l'informazione cristiana in rete; collegati al portale! evangelici.net - Dal 1996, l'informazione cristiana in rete; collegati al portale!
Lineamenti storiciMeditazioni

Dove fu battezzato Gesù?

Il Battesimo di Gesù Cristo, descritto in tutti e quattro i Vangeli, ebbe luogo nel fiume Giordano, a poche miglia a nord del Mar Morto ea circa sei miglia a est di Gerico.

Non solo il battesimo di Gesù servì come adempimento della profezia dell’Antico Testamento e una conferma della sua divinità come Figlio di Dio, ma il battesimo di Gesù è generalmente visto anche come l’inizio del ministero pubblico di Cristo.

Dove si trova il fiume Giordano?
Il fiume Giordano (Ha-Yarden in ebraico) è un’importante caratteristica geografica del Medio Oriente ed è un luogo chiave nella storia di Israele e della Bibbia.

Oggi, le quasi 156 miglia del fiume Giordano scorrono verso sud dal Monte Hermon, situato al confine tra l’odierna Siria e il Libano, e sfociano nel Mar di Galilea nel nord di Israele.

Il Mare di Galilea, a volte indicato come Lago Genesaret (Luca 5: 1) o Mare di Tiberio (Giovanni 6: 1, Giovanni 21: 1) è solo a circa un giorno di cammino da Nazaret, la città in cui è cresciuto Gesù (Matteo 2 : 19-23). Era anche un luogo chiave nel ministero di Gesù (Matteo 4: 13-22, Marco 4: 1-34, Matteo 13: 2, Matteo 5-7) e lo scenario di alcuni dei suoi più grandi miracoli (Marco 5:21 -43, Luca 8: 22-25, Luca 9: 10-17, Giovanni 6: 16-21)

Una volta uscito dal Mar di Galilea, il fiume Giordano si snoda attraverso la campagna della Giudea, alimentato da due grandi affluenti, lo Yarmouk e lo Jabbok (Genesi 32:22) a est, fino a quando alla fine si collega con il Mar Morto, dove termina. Prima di raggiungere il Mar Morto, il fiume Giordano crea un confine geografico tra la Cisgiordania di Israele e l’attuale Giordania a ovest.

Tutti questi corsi d’acqua si trovano nella Rift Valley giordana, un’enorme fessura geologica che forma una delle fessure più lunghe e delle depressioni naturali più basse della terra. In effetti, il Mar Morto, o Mar Salato come a volte viene chiamato, si trova a 1.300 piedi sotto il livello del mare, il punto più basso della terra.

Lo stesso fiume Giordano, con le sue coste lussureggianti e sabbiose e le ripide sponde rocciose, è abbastanza stretto e facile da attraversare nella maggior parte dei punti, sebbene la corrente possa essere rapida e persino pericolosa in alcune zone. Al di là del flusso del fiume principale, tuttavia, nel Giordano sono comuni pozze poco profonde e affluenti più piccoli.

È probabile che Giovanni Battista abbia battezzato Gesù e altri in una di queste pozze o insenature poco profonde sul lato orientale del fiume.

Dove nel fiume Giordano, fu battezzato Gesù?
Tutti e quattro i vangeli descrivono il battesimo di Gesù avvenuto sulle rive del Giordano per mano di Giovanni Battista, (Matteo 3, Marco 1: 1-11, Luca 3: 1-21, Giovanni 1: 6-34)

È difficile conoscere la “posizione esatta” del battesimo di Gesù. Tuttavia, prove archeologiche, scritti storici e resoconti evangelici indicano un’area nella metà meridionale del fiume Giordano, a circa cinque miglia e mezzo a nord del Mar Morto e poco più di sei miglia a sud-est della città di Gerico.

Giovanni, che era stato chiamato ad adempiere la profezia dell’Antico Testamento come “la voce di uno che grida nel deserto, ‘raddrizza la via del Signore'”, (Isaia 40: 3; Matteo 1: 3; Giovanni 1:23) si ritirò nel deserto della Giudea (a est del fiume Giordano) per “predicare un battesimo di pentimento per il perdono dei peccati” (Marco 1: 4).
Fu lì, da qualche parte tra il 26-29 d.C., che Giovanni Battista iniziò il suo ministero pubblico, battezzando le persone nel fiume Giordano in un luogo descritto nel vangelo di Giovanni come “Betania oltre il Giordano” (Giovanni 1:28).

Diversamente dal villaggio di Betania, dove Gesù spesso visitava i fratelli Maria, Marta e il loro fratello Lazzaro (Luca 10: 38-42; Giovanni 11: 1-41), Betania oltre il Giordano, a volte indicata come Betabara, era molto probabilmente una piccola città sulle rive orientali del fiume Giordano, nell’attuale Giordania.

Strategicamente, questo sarebbe stato un luogo efficace per il ministero di Giovanni Battista poiché avrebbe visto un alto volume di traffico di viaggiatori provenienti dal deserto della Giudea, dalle colline della Giudea, da Gerusalemme e da Gerico.

A Betania, al di là del Giordano, Giovanni Battista predicò un messaggio di ravvedimento e confessione dei peccati, simboleggiato dal battesimo in acqua, ma così facendo, indicò anche ai suoi ascoltatori di aspettarsi l’arrivo del prossimo messia promettendo: “dopo di me viene l’unico più potente di me, le cui cinghie dei sandali non sono degno di chinarmi e slacciarmi. Io ti battezzo con l’acqua, ma lui ti battezzerà con lo Spirito Santo ”(Marco 1: 7-8).

In linea con la profezia dell’Antico Testamento e la promessa di Giovanni, qui Gesù arrivò dalla Galilea per essere battezzato da Giovanni (Matteo 3:13; Marco 1: 9).

E non appena Gesù fu battezzato, uscì dall’acqua. In quel momento il cielo si aprì e vide lo Spirito di Dio scendere come una colomba e posarsi su di lui. E una voce dal cielo disse: “Questo è mio Figlio, che amo; colui nel quale mi sono compiaciuto. ‘- Matteo 3: 16-17

Gesù avrebbe avuto circa 30 anni al momento del suo battesimo.

Infatti, Gesù sarebbe poi tornato in questa stessa Betania per sfuggire momentaneamente alle minacce dei farisei a Gerusalemme (Giovanni 10: 40-42). L’apostolo Giovanni scrive:

… lì rimase, e molte persone andarono da lui. Dissero: “Anche se Giovanni (il Battista) non ha mai eseguito un segno, tutto ciò che Giovanni ha detto su quest’uomo era vero”. E in quel luogo molti credettero in Gesù. – Giovanni 10: 40-42

Oggi, Al-Maghtas, che significa “battesimo” o “immersione” in arabo, è il luogo più probabile del ministero di Giovanni Battista e del battesimo di Gesù, sebbene molti nell’attuale Israele sostengano che Qasr el Yahud sulle rive occidentali sia il sito reale. Probabilmente non possiamo saperlo con certezza, anche se il dibattito su quale lato del fiume è dove Gesù fu effettivamente battezzato potrebbe avere più a che fare con le due nazioni (Israele e Giordania) che cercano di attirare il turismo di ogni altra cosa.

La maggior parte delle prove, tuttavia, indica il lato orientale, il lato giordano, essendo il sito effettivo di Betania oltre il Giordano, il ministero di Giovanni e il battesimo di Gesù.

In quale altro luogo è menzionato il fiume Giordano nella Bibbia?
Il Battesimo di Gesù non è l’unico evento biblico degno di nota a caratterizzare il fiume Giordano. In effetti, il fiume Giordano è l’ambientazione principale di due grandi storie dell’Antico Testamento.

Dopo 40 anni di vagabondaggio nel deserto come punizione per non aver confidato nel Signore in seguito all’esodo dall’Egitto, la generazione successiva di israeliti fu finalmente incaricata da Dio di entrare nella Terra Promessa. Quando venne il momento, Dio ordinò a Giosuè di condurre il popolo attraverso il fiume Giordano, con il sacerdote che portava l’Arca dell’Alleanza davanti alla carovana. Quando i sacerdoti entrarono nel fiume e si fermarono, il Giordano si aprì immediatamente per consentire al popolo di attraversarlo sulla terraferma (Giosuè 3). Una volta attraversata, gli israeliti iniziarono la conquista di Canaan che seguì.

Dopo la traversata miracolosa, Giosuè prese 12 pietre dalle rive del fiume e le pose nel mezzo del fiume dove si erano fermati i sacerdoti per contrassegnare il luogo in cui Dio era intervenuto e ancora una volta usare il suo potere miracoloso a favore di Israele (Giosuè 4: 1-9).

Anni dopo, il profeta Elia e il suo protetto Eliseo si ritirarono sulle rive del fiume Giordano, usando il fiume come barriera naturale di protezione contro le minacce del re di Israele. Al fiume, Elia prese il suo mantello e colpì le acque, che presto si separarono per essere attraversate. Una volta al sicuro sul lato orientale, Elia fu portato in cielo in un turbine e in un carro di fuoco (2 Re 2:11).

Con una doppia porzione dello spirito e del mantello di Elia in mano, Eliseo colpì le acque del fiume Giordano per tornare sulle rive occidentali e iniziare il suo ministero (2 Re 2: 12-14).

In tutta la Scrittura, l’attraversamento del fiume Giordano è diventato il simbolo del potere miracoloso di Dio, la conferma del suo favore, l’adempimento della promessa e l’inizio del ministero pubblico.

Vale la pena notare che entrambi gli attraversamenti del fiume dell’Antico Testamento, menzionati sopra, hanno avuto luogo in un luogo simile sul fiume Giordano, a est di Gerico e poche miglia a nord del Mar Morto, molto vicino a dove Giovanni avrebbe poi ministrato, e dove Gesù sarebbe stato più tardi battezzato.

Quindi, per molti versi, questa specifica località sul fiume Giordano aveva un significato sia simbolico che strategico, di cui Giovanni Battista sarebbe stato ben consapevole.

Samuele Dinaro

Incoraggiamo i lettori che desiderano commentare il nostro materiale a farlo anche tramite i nostri account Facebook, Twitter, YouTube e Instagram. Dio ti benedica e ti custodisca nella Sua verità.

User Rating: 3.45 ( 1 votes)
The Christian Broadcasting Network

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button